LA CLOWNTERAPIA DAI PRIMI DEL ‘900

Ripercorre la storia alla ricerca del primo clown che entrò in un ospedale ci permette di conoscere che l’interazione tra il campo delle arti circensi e quello medico è più antico di quanto possiamo immaginare. Dobbiamo arrivare fino alla storia del XIX secolo per trovare i primi documenti,- per lo più immagini dipinte, che testimoniano la presenza dei clown negli ospedali.

 Verso la fine del XIX secolo, il trio di clown composto da Paolo, Francesco e Alberto Fratellini cominciò ad effettuare visite negli ospedali.

Tuttavia, la nascita del Clown Dottore come figura tecnica sociosanitaria con metodi ed obiettivi definiti, avvenne 30 anni fa a New York con  il clown Michael Christensen del Big Apple Circus di New York. Egli partecipò ad un evento nel Babies & Children’s Hospital del Columbia-Presbyterian Medical Center di New York, in occasione dell’Heart Day, giornata dedicata ai bambini che devono sottoporsi a chirurgia cardiaca.

A partire da quell’incontro a cui Christensen partecipò nei panni di Dr. Stubs venne fondata nel 1986 “The Clown care Unit”.

Nasce cosi una nuova area di ricerca, una disciplina che si dedica allo studio del buon umore e del pensiero positivo in funzione terapeutica: la gelotologia.

Il termine “Gelotologia” nasce dal greco Ghelos, che significa RISO, e da Logos che significa SCIENZA: “ Scienza del sorriso”.

MICHAEL CHRISTENSEN 


GIACOMINO AL REGINA MARGHERITA


CLOWN FRATELLINI


VISITING TRIO

Ringling Bros. and Barnum & Bailey Circus clowns Coco and Bobby Kaye visiting a patient at Los Angeles Orthopaedic Hospital –1970.


CLOWN ZAVATTA


ERMANNO TOSETTI

 

0 pensieri su “LA CLOWNTERAPIA DAI PRIMI DEL ‘900

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.